Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Ritiri spirituali mensili

19/12/2010 | Categoria: Ritiro

ADRIENNE VON SPEYR, Apocalisse Prologo

Le visioni apocalittiche giovannee costituiscono il culmine della Rivelazione neotestamentaria; esse - contrariamente ai Vangeli che narrano la vicenda storica di Gesù di Nazaret dall'annunciazione alla risurrezione - manifestano l'azione dinamica e permanente della Rivelazione che, per l'azione efficace della Grazia, si rende presente e sorprendentemente nuova agli uomini di ogni tempo; rivelazione, attiva e agente continuamente nell'"oggi" della storia, della verità post pasquale della signoria di Cristo in cielo, in terra e negli inferi.

L'Apocalisse è come uno squarcio, attraverso il quale al veggente è dato di contemplare dal cielo la verità del mondo, dal punto di vista di Dio. La verità di ogni singola visione va contestualizzata nel quadro della pienezza della Rivelazione; la sua parzialità manifesta la volontà rivelativa di Dio indirizzata ad un presente storico.

Il credente non entra in relazione con i portatori della Rivelazione, i quali, insieme agli eventi rivelati si situano in un compimento metastorico, portatore di senso salvifico da accogliere nella fede ma non individuabile in un tempo determinato né riconducibile ad eventi e personaggi terreni o celesti bensì alla "verità assoluta di Dio"  trascendente l'intelletto umano e comunicabile soltanto nell'estasi spirituale.

Le visioni apocalittiche procedono dalla verità trascendente di Dio; la loro verità assoluta è manifestata per la prima volta, nell'estasi amorosa e trasformante, al discepolo amato, che per la sua purezza e docilità di cuore, libero da stati d'animo soggettivi, nell'assoluto distacco interiore operato dall'amore, viene assunto da Dio come strumento di Rivelazione. A lui è affidato il compito di comunicarla alla Chiesa, nella stessa forma in cui gli è stata presentata, senza interferire soggettivamente, sebbene la sua capacità contemplativa lo abiliti a comprenderla e trasmetterla amorevolmente.

Ai credenti che hanno accolto nella fede la Rivelazione evangelica, l'Apocalisse rivela la potenza trascendente del Risorto e il suo giudizio assoluto e imminente sulla storia e sulla vita di ogni cristiano.