Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Testi di spiritualità - Epoca Moderna

Giovanni della Croce (1542-1591)

Notte Oscura

Prima di cominciare la spiegazione di queste strofe è opportuno ricordare che l’anima le recita quando è gia' pervenuta allo stato di perfezione, cioè all’unione d’amore con Dio.
Essa ha già superato le dure e tormentate prove interiori poste lungo la via stretta che conduce alla vita eterna, di cui parla il Signore nel vangelo (Mt 7.14) e attraverso cui abitualmente essa passa per giungere alla sublime e felice unione con Dio. Poiché questa via è così stretta e così pochi sono quelli che la percorrono, come dice ancora il Signore (Mt 7,14), l’anima deve considerare una sorte davvero fortunata l’essere pervenuta per mezzo di essa alla suddetta perfezione d’amore. Ciò è quanto canta in questa prima strofa, chiamando molto appropriatamente notte oscura questa via angusta, come spiegherò più avanti nei singoli versi della strofa. L’anima, dunque, tutta contenta di essere passata per questa via stretta e di aver ottenuto tanto bene, si esprime nel modo che segue.

LIBRO I

In una notte oscura,
con ansie, dal mio amor tutta infiammata,
oh, sorte fortunata!,
uscii, né fui notata,
stando la mia casa al sonno abbandonata.

Spiegazione

1. In questa prima strofa l’anima racconta in che modo si è dovuta distaccare
affettivamente da se stessa e da tutte le cose, cioè come abbia dovuto praticare
una radicale rinuncia per morire a queste cose e a se stessa. Solo così è riuscita a
vivere una vita d’amore con Dio, piena di dolcezze e delizie spirituali. Afferma,
altresì, che tale distacco è stato una notte oscura, termine che qui si riferisce alla
contemplazione purificante. Mediante questa, come dirò più avanti, si opera
passivamente nell’anima la suddetta rinuncia a se stessa e a tutte le cose.

2. Se ha potuto operare il distacco – tiene a precisare –, lo ha fatto con la forza e la
veemenza dell’amore che lo Sposo le ha concesso in questa contemplazione
oscura. In tutto ciò riconosce la felice sorte, che le è toccata, di arrivare a Dio
attraverso questa notte con così grande fortuna, che nessuno dei tre nemici, cioè il
mondo, il demonio e la carne, che ostacolano sempre il cammino, ha potuto
impedirle di avanzare. Difatti la notte della contemplazione purificante ha assopito e
addormentato nella casa della sua sensibilità tutte le passioni e le tendenze che le
erano contrarie. Per questo il verso dice: In una notte oscura.