Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Dizionario di spiritualità

Il dizionario di spiritualità si presenta come un’antologia di testi tratti dalla Sacra Tradizione della Chiesa Cattolica. La scelta dei temi, più che di rigore scientifico, è il frutto della risonanza che questi hanno prodotto nel cuore dei membri dell’Associazione che, avendone fatto oggetto di studio e di meditazione, li propongono ai lettori per condividere in pienezza la gioia di un incontro.

La lettura spirituale, infatti, situando il lettore nell’atto della Rivelazione, insegna, convince, corregge, forma alla giustizia l’uomo di Dio, abilitandolo a riconoscere in se stesso o a disporsi ad accogliere la stessa opera che Dio ha compiuto nell’autore, come un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche.

Seleziona inziale lemma: a  b  c  d  e  f  g  h  i  j  k  l  m  n  o  p  q  r  s  t  u  v  w  x  y  z 
Tutta la lista

Bene

Autore Rupnik M. I.

 Il bene, essendo l'amore, non cerca mai per sé (cf 1 Cor 13,5), ma è tale proprio perché è di tutti, ed è bene perché è privo d'interesse. Non chiede per sé, e per questo motivo il peccato non lo sopporta. In una cultura del peccato, dove il male viene più o meno legittimato e si rischia davvero di vantarsi di cose di cui ci si dovrebbe vergognare (cfr.: Fil 3,19), il bene deve essere punito, perché smaschera il male e lo fa crollare nella sua essenza, cioè nel suo interesse egoistico. Ed è per questo motivo che il male punisce il bene. Ma il bene continua a fare il bene, proprio perché non può cominciare  a difendersi, perché non cerca il proprio (cfr.: 1 Cor 13, 5) (M. I. RUPNIK, Cerco i miei fratelli. Lectio divina su Giuseppe d'Egitto, Lipa 2002, p.59).

Autore Rupnik M. I.

BENE NASCOSTO - È un atteggiamento spirituale quello di fare del bene di nascosto, proprio per aiutarsi a non cadere nella tentazione e a non mescolare il male al bene, l'egoismo all'amore. Altrimenti ci si convince pian piano che davvero facciamo del bene, che si è onesti, buoni e se non si è riconosciuti come tali e ringraziati, ci si offende e ci si rattrista. C'è tutta una dimensione della tristezza strettamente legata a questa superbia spirituale di essere convinti nel profondo di operare il bene, di essere buoni, e di non essere riconosciuti come tali e premiati per il bene fatto. (M. I. RUPNIK, Cerco i miei fratelli. Lectio divina su Giuseppe d'Egitto, Lipa 2002, p.64).

Autore Rupnik M. I.

BENE DIMENTICATO - La parusia è svelare la verità. Lì ciò che reggerà sarà solo ciò che nella storia è stato sperimentato, vissuto come triduo pasquale. È per questo motivo che il bene dimenticato non è dimenticato, ma realizzato nel modo più autentico. Il bene dimenticato è quel tessuto organico forte che rende la storia un organismo vivente del Cristo universale che, nella luce dello Spirito Santo, si rivelerà come nuova Gerusalemme. Le sofferenze nascoste dell'amore vissuto e crocifisso nei luoghi più sperduti sono le perle preziose incastonate nelle pietre della Gerusalemme celeste che un giorno lo Spirito Santo ci farà vedere come la Sposa dell'Agnello. L'amore che opera il bene e che non viene riconosciuto non ha bisogno di essere visibile agli occhi del mondo, perché è già appagato nella speranza che non delude, perché è già passato dalla morte alla vita in Cristo risorto. (M. I. RUPNIK, Cerco i miei fratelli. Lectio divina su Giuseppe d'Egitto, Lipa 2002, p.65).