Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Dizionario di spiritualità

Il dizionario di spiritualità si presenta come un’antologia di testi tratti dalla Sacra Tradizione della Chiesa Cattolica. La scelta dei temi, più che di rigore scientifico, è il frutto della risonanza che questi hanno prodotto nel cuore dei membri dell’Associazione che, avendone fatto oggetto di studio e di meditazione, li propongono ai lettori per condividere in pienezza la gioia di un incontro.

La lettura spirituale, infatti, situando il lettore nell’atto della Rivelazione, insegna, convince, corregge, forma alla giustizia l’uomo di Dio, abilitandolo a riconoscere in se stesso o a disporsi ad accogliere la stessa opera che Dio ha compiuto nell’autore, come un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche.

Seleziona inziale lemma: a  b  c  d  e  f  g  h  i  j  k  l  m  n  o  p  q  r  s  t  u  v  w  x  y  z 
Tutta la lista

Fonte

Autore Colombano S.

Fratelli, seguiamo la nostra chiamata: siamo chiamati dalla Vita alla fonte della vita; questa fonte non è solo fonte "dell'acqua viva" (Gv 4,10), ma della vita eterna, fonte di luce e di chiarezza. Ogni cosa infatti viene da lei: sapienza, vita e luce eterna... Signore, sei tu stesso questa fonte che c'è sempre ed è sempre da desiderare, e alla quale ci è sempre permesso e sempre necessario attingere. "Signore Gesù, dacci sempre quest'acqua", perché essa diventi anche in noi fonte di acqua che "zampilla per la vita eterna" (Gv 4,15.14). E' vero: ti chiedo molto, chi potrebbe negarlo? Ma tu, Re di gloria, sai dare cose grandi, e le hai promesse. Nulla più grande che te, ed è te stesso che ci dai, tu che ti sei offerto per noi. Per questo è te che chiediamo..., poiché non desideriamo ricevere altro che te. Sei il nostro tutto: la nostra vita, luce e salvezza, cibo e bevanda, il nostro Dio. Illumina i nostri cuori, ti prego, nostro Gesù; col soffio del tuo Spirito, 'ferisci' le anime col tuo amore, così che ciascuno possa dire in verità: "Avete visto l'amato del mio cuore?" (Ct 3,3), poiché sono stato ferito dal tuo amore. (COLOMBANO S., Istruzioni spirituali, n° 13, 2-3).