Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Dizionario di spiritualità

Il dizionario di spiritualità si presenta come un’antologia di testi tratti dalla Sacra Tradizione della Chiesa Cattolica. La scelta dei temi, più che di rigore scientifico, è il frutto della risonanza che questi hanno prodotto nel cuore dei membri dell’Associazione che, avendone fatto oggetto di studio e di meditazione, li propongono ai lettori per condividere in pienezza la gioia di un incontro.

La lettura spirituale, infatti, situando il lettore nell’atto della Rivelazione, insegna, convince, corregge, forma alla giustizia l’uomo di Dio, abilitandolo a riconoscere in se stesso o a disporsi ad accogliere la stessa opera che Dio ha compiuto nell’autore, come un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche.

Seleziona inziale lemma: a  b  c  d  e  f  g  h  i  j  k  l  m  n  o  p  q  r  s  t  u  v  w  x  y  z 
Tutta la lista

Oscurità

Autore Malaval F.

BELLA OSCURITA' - Allorché il Salvatore del mondo salì al cielo, gli apostoli lo seguivano con gli occhi, ma una nube presto lo sottrasse ai loro sguardi; questa oscurità produsse la fede e questa fece loro adorare il Salvatore, assiso alla destra del Padre suo. Mosè salì molto e quando fu in cima alla montagna, fu avvolto da una nube nella quale vide Dio. È una figura di ciò che si vede di Dio nel mondo; egli è ancor più grande ed elevato attraverso l'oscurità che ci circonda.[...] D'altronde, Filotea, questa luce della fede più è grande, più causa in noi un meraviglioso diletto e ci fa compiacere in Dio solo. C'è un certo artificio di prospettiva che incanta gli occhi facendo loro vedere in un prodigioso allontanamento un oggetto che è molto vicino. La fede è ciò che ci avvicina di più a Dio e ciò che ci allontana di più da lui; e così più la contemplazione illumina la fede, più essa ci mostra contemporaneamente un Dio presente e un Dio immenso, un Dio con noi e un Dio al di sopra di noi: ci mette nello stesso tempo nel seno di Dio e ci affonda in un abisso di Dio. Non distinguiamo di più l'essere di Dio, dal momento che la fede rimane sempre oscura, ma lo vediamo meglio di prima. [...] Bella oscurità che sei un effetto della luce! Sei più nobile ed eccellente della stessa luce, e ciò che noi ignoriamo di Dio è incomparabilmente più perfetto di ciò che noi ne conosciamo. (MALAVAL F. Pratica facile per elevare l'anima alla contemplazione, Dial. II, colloquio 12)