Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Dizionario di spiritualità

Il dizionario di spiritualità si presenta come un’antologia di testi tratti dalla Sacra Tradizione della Chiesa Cattolica. La scelta dei temi, più che di rigore scientifico, è il frutto della risonanza che questi hanno prodotto nel cuore dei membri dell’Associazione che, avendone fatto oggetto di studio e di meditazione, li propongono ai lettori per condividere in pienezza la gioia di un incontro.

La lettura spirituale, infatti, situando il lettore nell’atto della Rivelazione, insegna, convince, corregge, forma alla giustizia l’uomo di Dio, abilitandolo a riconoscere in se stesso o a disporsi ad accogliere la stessa opera che Dio ha compiuto nell’autore, come un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche.

Seleziona inziale lemma: a  b  c  d  e  f  g  h  i  j  k  l  m  n  o  p  q  r  s  t  u  v  w  x  y  z 
Tutta la lista

Sentimenti

Autore Stein E. (S. Teresa Benedetta della Croce)

SENTIMENTI SPIRITUALI - I sentimenti spirituali […] possono essere duplici: sentimenti spirituali che si radicano nell'inclinazioni della volontà; e sentimenti spirituali che si localizzano nell'essenza dell'anima. Già i primi, se provengono da Dio, sono qualche cosa di molto alto. I secondi li superano completamente e sono di grandissima benedizione e utilità. Sia per l'anima, sia per la sua guida spirituale, è del tutto insondabile come e perché Dio susciti una simile grazia. Non dipendono dalle sue meditazioni e dalle sue opere. Ci si può anche ben disporre a ricevere queste grazie, ma Dio le concede quando Egli vuole, come vuole e per lo scopo che vuole. A molti che pure si sono occupati in molte opere, questi tocchi non vengono concessi, ad altri, invece, che ne hanno molte di meno, lo sono in altissimo grado ed in grande pienezza. Molti di questi tocchi sono chiaramente distinguibili ma passano presto, altri lo sono meno ma durano più a lungo. All'intelletto, di tutti questi sentimenti della volontà e della sostanza dell'anima, giunge una certa conoscenza ed una certa penetrazione di Dio. Quindi è impossibile definirla esattamente, come pure definire il sentimento da cui ha origine. Queste conoscenze sono più o meno elevate e chiare,in dipendenza della diversità dei tocchi divini da cui ha origine. Le conoscenze, come i sentimenti, vengono comunicate passivamente all'anima. [..]L'anima deve conservarsi solo del tutto tranquilla, umile ed abbandonata. Dio le concederà quelle grazie se la troverà umile e dimentica di sé. (STEIN E., Scientia Crucis, DOBNER C. (Ed), Editrice O.C.D. 2008, pp. 88-89).