Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Semi di contemplazione

Semi di Contemplazione, foglio di spiritualità con cadenza mensile, è la traduzione curata dalla Confraternita Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, del bollettino Oraison edito dall’Association Saint Jean de la Croix con sede nella diocesi di Bourges a Mers-sur-Indre, una piccola località del Berry, nel cuore della Francia, il cui moderatore è il padre Max Huot de longchamp.

Il foglio si compone di un passo tratto da un testo della Tradizione cristiana con un breve commento sull’autore e sul contenuto, e di un approfondimento di una tematica connessa alla vita di preghiera. Una breve rubrica, a cura del moderatore della Confraternita, Mons. Antonino Raspanti, chiude il foglio. Dal numero 100 conclusa l’Orazione dalla A alla Z, p. Max risponde alle domande più frequenti in materia di Orazione attraverso le parole dei grandi amici di Dio, dando vita a L’Orazione in domande.

Il foglio intende sostenere coloro che, toccati da Cristo, hanno deciso di accogliere la Sua proposta di condividere pienamente la loro vita con Lui, lasciando entrare Cristo in ogni angolo dell’esistenza, per non dividersi mai da lui; il salmista li chiama beati perché hanno deciso nel loro cuore di intraprendere il santo viaggio. Le parole dei grandi amici di Cristo sono fonte di luce e di gioia, come sa bene chi l’ha provato: fonte di luce perché aiutano a comprendere se stessi e la strada che si sta percorrendo, spesso avara di luci; fonte di gioia perché la condivisione fraterna delle meraviglie divine operate nei fedeli accresce la gioia di ogni cristiano.
Quando Dio agisce nel credente, crea sempre qualcosa di nuovo e di irrepetibile, che compie la naturale singolarità della persona. Discernere quest’opera per assecondarla è una necessità e un travaglio, che la stessa persona vive talvolta in modo doloroso. Ella cerca riscontri che non sempre le sono concessi, con il pericolo che, delusa e scoraggiata, abbandoni il cammino. In realtà il Signore la conduce e la sostiene nella comunione dei santi, cioè la Chiesa, dove ella scopre lentamente la sua singolarità esaltata nella relazionalità.

Ci auguriamo che il presente foglio fornisca qualche piccola luce a quei beati in cammino mentre, certo, non recherà dispiacere a coloro che sono avanti in esso.

Anno: 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001

Numero 66 - Dicembre 2005

La croce, sorgente di vita

Autore: Favre Pierre b., 1506-1546

Il Memoriale, diario intimo redatto nel 1542 testimonia l’efficacia spirituale dei principi di s. Ignazio e contemporaneamente l’entusiasmo apostolico della prima generazione gesuita a cui appartiene l’autore. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Peccato. Il tema della rubrica è: Comunione e obbedienza.

Numero 65 - Novembre 2005

Quando l'orazione diventa teologia ...

Autore: Tommaso d'Aquino s., 1225-1274

Pensare per s. Tommaso è pensare con Cristo, ecco perché il suo pensiero è interamente interiore all’orazione. È nell’umanità di Gesù che la sua divinità si rivela e la teologia diventa possibile. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Povertà. Il tema della rubrica è: Avvento di laboriosa attesa.

Numero 64 - Ottobre 2005

La chiave di tutta la felicità

Autore: Maestro Eckhart Giovanni, 1260-1328

Le Istruzioni spirituali, destinate ai fratelli novizi, sono perfettamente rappresentative della mistica renana con la sua particolare nota di radicalità e amore del paradosso qui espressa attraverso la tensione estrema posta tra il tutto di Dio e il nulla dell’uomo. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Pazienza. Il tema della rubrica è: Amore e conoscenza.

Numero 63 - Settembre 2005

Dio o impressione di Dio?

Autore: Walter Hilton ( +1396)

Il discernimento degli spiriti, cioè l’autenticazione di una vita spirituale, è sempre stata una preoccupazione essenziale della tradizione cristiana. Il criterio ultimo sarà sempre quello della qualità oggettiva del nostro attaccamento a Gesù. Per precisare questo criterio l’autore pone le questioni classiche che si trovano già in s. Atanasio nel IV secolo e che troveremo ancora in epoca moderna negli Esercizi di s. Ignazio. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Padre Nostro. Il tema della rubrica è: La fede di Abramo.

Numero 62 - Luglio/Agosto 2005

Beata notte dell'anima

Autore: Maur del Bambin Gesù , 1617-1690)

Nella Teologia cristiana e mistica l’autore analizza l’evoluzione dell’anima dalle prime sollecitazioni divine alla piena consumazione del matrimonio spirituale. Nel passo citato vediamo le conseguenze ultime di un abbandono assoluto nelle mani di Dio da parte dello spirituale che fa di Dio il suo Tutto. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Paternità spirituale. Il tema della rubrica è: L’uniformità alla volontà di Dio.

Numero 61 - Giugno 2005

Un canto dolce come il miele

Autore: Rolle Richard, † 1349

Il Fuoco dell’Amore, il più conosciuto dei trattati di questo autore, sviluppa il tema della vita spirituale come canto dell’anima sotto l’azione dello Spirito Santo. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Passività. Il tema della rubrica è: Festa e gratitudine.

Numero 60 - Maggio 2005

L'amore è sempre ragionevole

Autore: Salignac de la Mothe-Fénelon François de, 1651-1715

Se Dio è amore, l’uomo è ragione, ecco perché non potrebbe esservi opposizione tra questi nella vita cristiana, spiega Fénelon. Quando il posto di ogni cosa è rispettato, secondo l’ordine di Dio, Dio si dà a noi attraverso ogni cosa. Ogni concorrenza tra creatura e creatore scompare e tutto diventa occasione di unione a Dio. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Passione (di Gesù). Il tema della rubrica è: Un filiale affettuoso augurio.

Numero 59 - Aprile 2005

Un amore che prende tutto

Autore: Morice Madeleine, 1736-1769

Nello stralcio qui riportato l’abbandono più radicale e più verticale rappresenta il tema dominante dei mistici del 18 secolo. L’anima prigioniera dell’amore, teme soltanto che l’amore allenti la sua stretta, ma ne gode senza esservi legata, totalmente pronta a non goderne mai se Dio lo vuole poiché l’amore è tale nella reciproca libertà delle parti. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Passione. Il tema della rubrica è: “Dal profondo a Te grido!”

Numero 58 - Marzo 2005

Insostituibile orazione

Autore: Eudes Giovanni, 1601-1680

Nella Vita e regno di Gesù nelle anime cristiane sono riassunte le prediche missionarie dell’autore. Vita di Gesù in noi, l’orazione è altresì la partecipazione alla vita della Trinità, degli angeli e dei santi; pertanto, essendo totalmente soprannaturale non richiede altro da parte nostra se non il nostro abbandono fiducioso a Colui che sappiamo presente nel silenzio. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo P come Pace. Il tema della rubrica è: Accusa e giustificazione di sé.

Numero 57 - Febbraio 2005

Un Dio intensamente presente

Autore: Chardon Luigi, 1595-1651

La Croce di Gesù permette di concepire l’intera vita spirituale come il protrarsi del mistero della Croce nell’anima del discepolo di Gesù. Prendere coscienza della presenza d’immensità di Dio, vale a dire del fatto che in ogni istante noi siamo soltanto nella Sua volontà di farci essere, ed essere per partecipazione a ciò che Egli è, rappresenta il cuore di tutta la vita contemplativa. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo O come Orazione. Il tema della rubrica è: Dimensione penitenziale della vita cristiana.

Numero 56 - Gennaio 2005

Sul buon uso delle malattie

Autore: Gertrude di Helfta s.,1256-1301

L’Araldo dell’Amore divino è uno dei titoli sotto i quali sono conosciuti i cinque libri che raccolgono le rivelazioni di s. Gertrude. Sulla linea di s. Bernardo questi scritti testimoniano una percezione molto viva dell’umanità di Cristo, sviluppata sul registro dello sposalizio fra Dio e l’anima. Nell’orazione dalla A alla Z leggiamo O come Opere. Il tema della rubrica è: Ripartire da Cristo.