Famiglia

Autore Giovanni Crisostomo s.

SANTA FAMIGLIA – Che dirò dunque di questo mistero? Vedo un falegname e una mangiatoia, vedo un bambino e panni e fasce, il parto di una vergine, privata delle cose più necessarie, tutti i segni dell’indigenza, il peso della povertà. Hai mai visto la ricchezza in una tale povertà? In che modo egli, ricco, si è fatto povero per noi (2 Cor 8,9) al punto che, senza culla, né coperte, è deposto in una povera mangiatoia? […]. O immensa ricchezza nascosta sotto le parvenze della povertà! Giace in una mangiatoia e scuote tutto il mondo; è avvolto in fasce e spezza le catene del peccato; non balbetta ancora e istruisce i Magi affinché cambino strada. Il mistero supera la parola!

Ecco: il bambino è avvolto in fasce e giace in una mangiatoia; ma gli sta accanto Maria, che è insieme vergine e madre; gli sta accanto anche Giuseppe che è chiamato suo padre. Questi ha sposato Maria, ma è lo Spirito Santo che l’ha coperta con la sua ombra. Per questo Giuseppe, perplesso, non sapeva come chiamare il bambino… Ma mentre era assorto in tali pensieri, dalla voce di un angelo gli era stato portato l’annuncio del cielo: «Non temere, Giuseppe, perché quello che è generato in lei viene dallo Spirito Santo» (Mt 1,20). […]. Perché poi il Salvatore nasce da una vergine? Proprio perché un giorno il diavolo aveva sedotto Eva vergine, che generò la causa della morte, l’angelo Gabriele recò il lieto annunzio a Maria Vergine che generò il Verbo fatto carne che ci porta la vita eterna. (GIOVANNI CRISOSTOMO S., Omelia per il giorno di Natale,PG 56, 392).

 

Torna alla lista

Prossimi eventi