Pianto

Autore Caterina da Siena s.

Vi è un pianto di fuoco, cioè di vero e santo desiderio, che si consuma per affetto d’amore. Vorrebbe l’uomo dissolvere la sua vita in pianto, per odio di sé e salute delle anime, ma pare che non possa. Dico che costoro hanno lacrime di fuoco, in cui lo Spirito Santo piange dinanzi a me per loro e per il loro prossimo. Dico che la mia divina carità accende con la sua fiamma l’anima, che offre dinanzi a me  desideri angosciosi, senza le lacrime degli occhi. Dico che queste sono lacrime di fuoco, e in tal senso dicevo che lo Spirito Santo piangeva in loro. Non potendolo fare con lacrime, l’anima offre il desiderio di pianto, che ha la volontà, per amore di me. Tuttavia, se si apre l’occhio dell’intelletto, si vedrà che in ogni mio servo, il quale manda odore di santi desideri di umili e continue orazioni dinanzi a me, vi è lo Spirito Santo che piange in lui. (S. CATERINA DA SIENA,  Il dialogo della divina provvidenza, Cantagalli, Siena 2003, p.193).

 

Torna alla lista

Calendario eventi

Dicembre, 2022