Semi di contemplazione

Numero 176 – Dicembre 2015 – Buon senso soprannaturale

Buon senso soprannaturale

Autore: Vincent Huby

Commento di P. Max Huot de Longchamp:

 Ricordiamo che padre Huby fu un grande pedagogo della vita interiore alla scuola di s. Ignazio aprendoper i laici delle case consacrate alla pratica dei suoiEsercizi. Fu l’occasione per lui, di moltiplicare i consigli e i pareri spirituali, talvolta semplicemente affissi nelle celle di chi faceva gli esercizi, raccolti durante le molteplici edizioni in parte rimaneggiate delle sue opere.Citiamo qui l’edizione che rimane come riferimento, quella di padre Lenoir-Duparc del 1755, nella sua ristampa del 1772.
§1-3. Tutti i maestri spirituali affermano assolutamente che l’amore per la solitudine e per il silenzio è una condizioneindispensabile a una vita contemplativa un po’ sviluppata. Perché? Perché Dio entra in noi tramite il fondo dell’anima, e da lì ci parla; così per ascoltarlo, occorre invertire il flusso abituale della nostra vita mentale. Questo vuol dire che per quanto concerne il sapere, non dobbiamo più cercare di elaborare le informazioni provenienti dall’esterno, ma raccoglierci nell’attenzione a questa Parola interiore.Per ciò che riguarda la volontà, non dobbiamo più architettare progetti, ma cercare di compiere la sola volontà di Dio; in breve, “tenere la propria mente raccolta per ascoltare Dio, e il cuore libero per seguirlo”…
L’IMITAZIONE DI GESÙ CRISTO
Tradotto e commentato per i lettori di Semi
Sulle passioni
I,6 Sugli affetti disordinati
Appena l’uomo desidera qualcosa in modo disordinato, subito cade nell’inquietudine. L’orgoglioso e l’avaro non sono mai sereni; il povero e l’umile di spirito vivono nella pace in tutte le sue forme. L’uomo che non è perfettamente morto a se stesso, è ben presto tentato, ed è vinto da sciocchezze…
Il tema dell rubrica è:
Il Natale e l’Apocalisse

Calendario eventi

Dicembre, 2022