Semi di contemplazione

Numero 180 – Aprile 2016 – Elogio del raccoglimento

Elogio del raccoglimento

Autore: Jean Croiset

Commento di p. Max Huot de Longchamp: L’AUTORE Non sappiamo niente della famiglia di Jean Croiset, nato a Marsiglia, ed entrato a 20 nella Compagnia di Gesù. Ancora studente, entra in relazione con santa Margherita-Maria, divenendo molto velocemente il più efficace diffusore della devozione al Sacro Cuore. La sua carriera di professore di filosofia e teologia si svolgerà nelle case gesuitiche della valle del Rodano, tra Lione e Marsiglia, dividendosi tra l’insegnamento, la predicazione di ritiri e la direzione spirituale. Autore ricco, le sue opere destinate ad un vasto pubblico e oggi molto dimenticate, formeranno alla vita spirituale generazioni di cristiani.
IL TESTO Questo manuale di pietà redatto da Croiset, ancor prima della sua ordinazione sacerdotale, riprende ed amplia, all’indomani della morte di santa Margherita-Maria un testo che circolava a Paray-le-Monial. Il suo rapido successo contribuì molto direttamente alla diffusione, tra l’altro combattuta, del culto del Sacro Cuore. Comprende molti consigli spirituali di grande qualità, che attestano la maturità del loro autore quando era ancora solo un giovane religioso in formazione all’epoca della pubblicazione.
§ 1. Dio entra nelle nostre anime “dal centro più profondo”, direbbesan Giovanni della Croce, attraverso quel punto verso cui convergono tutte le componenti della nostra vita…
L’IMITAZIONE DI GESÙ CRISTO
Traduzione e commento per i lettori di Semi
L’amicizia (seguito)
III,42 Non bisogna contare sugli uomini per trovare la pace (seguito)
Il Signore: tu devi essere talmente morto alle affezioni delle amicizie umane, che per quello che dipende da te, sceglierai di non avere niente in comune con nessuno : l’uomo si avvicina tanto più a Dio se si ritira da ogni consolazione terrena; si eleva sempre più verso Dio, se si abbassa più profondamente e si disinteressa di se stesso. Colui che si attribuisce qualcosa di buono, impedisce alla grazia di Dio di venire in lui, perché la grazia dello Spirito Santo richiede sempre un cuore umile. Se tu sapessi annientarti perfettamente e ritirarti da ogni amore creato, alloraio dovreispandermi in te con l’abbondanza della mia grazia.
Quando guardi le creature, la vista del Creatore ti è tolta. Impara in ogni cosa a controllarti per il Creatore, e potrai arrivare alla conoscenza divina. Per quanto poco sia, amare e guardare in modo disordinato ritarda e ostacola la nostra salita…
Il tema dell rubruca è: Vivere nel presente – Senza rimpianti e senza “se”

Elogio del raccoglimento – 180

Prossimi eventi