Semi di contemplazione

Numero 220 – Dicembre 2019 – Il contemplativo nel quotidiano

Il contemplativo nel quotidiano

Autore: Noël Courbon

 

Commento di Padre max Huot de Longchamp.

L’AUTORE Cfr. Semi n° 171

IL TESTO Nella seconda parte delle sue Istruzioni familiari, dopo aver descritto con chiarezza e perfetta precisione l’entrata in contemplazione, Courbon denuncia una ad una le false idee che ci facciamo sulla vita contemplativa, che immaginiamo necessariamente triste, penosa e incompatibile con la vita ordinaria.
§ 1. Courbon definisce, sopra, la contemplazione come “una semplice attenzione amorosa a Dio presente”. Il contemplativo non sa spesso che sta contemplando; la sua “attenzione amorosa” è quella del figlio che spontaneamente si affida con fiducia a sua madre senza domandarsi se ne è degna. Così la preghiera del contemplativo si confonde con questa fiducia tanto totale quanto non ragionata, senza che ci sia bisogno di pensarci, di deciderlo e di organizzarlo, senza “gli atti che abbiamo fatto una volta dettagliatamente ed espressamente”.
§ 2. Il contemplativo vede in ogni istante e senza sforzo quello che deve fare, e riceve nello stesso tempo la grazia di compierlo. Non ha la sensazione di fare le cose per Dio, ma con Dio, che gli fornisce in ogni momento la luce e la forza per ciò senza che se ne renda neppure conto. Allontanarsi dalla volontà di Dio gli sarebbe insopportabile, perché dovrebbe allora ricominciare a p…

Il tema della rubrica è “Attendere Gesù con Maria”.

Prossimi eventi